E tremma stu core mio Pecché é sicuro que ‘o vuo’ lassá. Forse sarrà ca ‘o chianto è doce Forse sarrà ca bene fa Quanno mme sento cchiù felice Nun è felicità. Canzoni napoletane famose: le origini del mito e la top 40 dei brani più belli di tutti Canzoni napoletane classiche allegre Classici napoletani Che ce dicimmo a fa parole amare Si ‘o bbene po’ campà cu nu respiro? Te va sempe cchiù astretta ‘A camicetta a fiore blu. In questo post a cura di Napoli Fans, vi parleremo di quelle che sono le canzoni napoletane famose e più conosciute di tutti i tempi, quelle che ancora ad oggi ci si stringe il cuore ad ascoltarle. Pe’ me ll’ammore pó aspettá, Che n’aggi’a fá? Dicitencello a ‘sta cumpagna vosta Ch’aggio perduto ‘o suonno e ‘a fantasia Ch’a penzo sempe Ch’è tutta vita mia I’ nce ‘o vvulesse dicere Ma nun ce ‘o ssaccio dì ‘A voglio bene ‘A voglio bene assaje Dicitencello vuje Ca i nun mma scordo maje E’ na passione Chiù forte ‘e na catena Ca me turmenta l’anema E nun me fa campà Dicitencello ch’è na rosa ‘e maggio Ch’è assaje chiù bella ‘e na jurnata ‘e sole Da ‘a vocca soja Chiù fresca de viole I giá vulesse sèntere Ch’è ‘nnammurata ‘e me ‘A voglio bene ‘A voglio bene assaje Dicitencello vuje Ca nun ma scordo maje E’ na passione Chiù forte ‘e na catena Ca me turmenta l’anema E nun me fa campà Na lácrema lucente v’è caduta Dicíteme nu poco, a che penzate Cu st’uocchie doce Vuje sola me guardate Levámmoce ‘sta maschera Dicimmo ‘a verità Te voglio bene Te voglio bene assaje Si’ tu chesta catena Ca nun se spezza maje Suonno gentile Suspiro mio carnale Te cerco comm’a l’aria Te voglio pe’ campà, Dimane ma vurria parti’ stasera Luntano no nun ce resisto cchiu’ Dice che c’e’ rimasto sulo ‘o mare Che ‘o stesso e prima, chillu mare blu… Munastero ‘e Santa Chiara Tengo ‘o core scuro scuro Ma pecche’ pecche’ ogne sera Penso a napule comm’era Penso a Napule comm’e’… Funtanella ‘e Capemonte Chistu core me se schianta Quanno sento ‘e di’ d’a’ gente Ca s’e’ fatto malamente Stu paese ma pecche’…, No nun e’ overo, no nun ce credo e moro Pe’ sta smania ‘e turna a Napule Ma ch’aggia fa’ me fa’ paura ‘e ce turna’. E che sia stato utilizzato in tanti generi di spettacolo: dal varietà al cinema, e anche in tv. Mo nun ‘nce amammo cchiù, Ma ‘e vvote tu Distrattamente pienze a me! Classici napoletani - Le più belle canzoni napoletane Iscriviti al canale: Classici napoletani . Tu nun ‘nce pienze a stu dulore mio Tu num ‘nce pienze tu nun te ne cura Core, core ‘ngrato T’aie pigliato ‘a vita mia Tutt’è passato E nun’nce pienze cchiu Catari, Catari Tu nun ‘o saie ca’nfin’int’ a na chiesa Io so’ trasuto e aggio priato a Dio, Catari E l’aggio ditto pure a ‘o cunfessore I’ sto a fuffrì Pe’ chella llа Sto a suffrì Sto a suffrì, nun se po’ credere Sto a suffrì tutte li strazie E ‘o cunfessore ch’è persona santa M’ha ditto: figlio mio, lassala stà, lassala stà Core, core ‘ngrato T’aie pigliato ‘a vita mia Tutt’è passato E nun’ce pienze cchiu. NA 4941/90 TEL: +39 081 546 27 00, Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra), Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra), Cantanti napoletani giovani, la tradizione che si rinnova. Oje Marí’, oje Marí’! (Cumm’e’bella a muntagne stanotte) Cumme è bella a muntagne stanotte (Bella accusi’) Bella accusi’. Voglio a’ te’. LE CANZONI NAPOLETANE In questa sezione del sito troverai tutti i testi delle più famose canzoni (divise e organizzate in ordine alfabetico) che hanno fatto la … Era de maggio, e te cadeono ‘nzino A schiocche a schiocche li ccerase rosse… Fresca era ll’aria e tutto lu ciardino Addurava de rose a ciente passe. ccaro se fa… Maruzzella, Maruzz?…, ‘O sarracino, ‘o sarracino Bellu guaglione ‘O sarracino, ‘o sarracino Tutt”e ffemmene fa ‘nnammurá Tene ‘e capille ricce ricce Ll’uocchie ‘e brigante e ‘o sole ‘nfaccia Ogne figliola s’appiccia si ‘o vede ‘e passá Na sigaretta ‘mmocca, sa mana dint”a sacca E se ne va, smargiasso, pe’ tutt”a cittá ‘O sarracino, ‘o sarracino Bellu guaglione ‘O sarracino, ‘o sarracino, Tutt”e ffemmene fa suspirá E’ bello ‘e faccia, è bello ‘e core Sape fá ‘ammore, E’ malandrino, è tentatore Si ‘o guardate ve fa ‘nnammurá E na bionda s’avvelena E na bruna se ne more, E’ veleno o calamita? Quanta suonno ca perdo pe’ te! venuta Na voglia ardente ‘e te vas?. Pecché ‘ncopp’a sta terra Femmene comme a te Non ce hanna sta pé n’ommo Onesto comme a me!… Femmena Tu si na malafemmena Chist’uocchie ‘e fatto chiagnere. Era de maggio – io, no, nun me ne scordo – ‘Na canzone contàvemo a ddoie voce: Cchiù tiempe passa e cchiù me n’allicordo Fresca era ll’aria e la canzone doce. Oh?, Mm’? Pe’ mme fá sentí Come un gran pasciá E mm’inebria il cuor. Fresca è ‘a notte: ‘na luna d’argiento Saglie ‘ncielo e cchiù ghianca addeventa: E nu sciato, ogne tanto, d’ ‘o viento Mmiez’ a st’aria se sente passà. Jamm’o cinema, o abballa’… Si cercammo ‘e ce ‘a squaglia’, Comm’a nu carabbiniere Chella vène a ce afferrá… Ah… Ah… Tu mm’e ‘nguajato… Me sposo a n’ata, Nun ve veco cchiù… Mammeta, soreta e tu… Pateto, frateto e tu… Nonneta, zieta, Pateto, frateto, Nonneta, soreta, e tu. Mo nun ‘nce amammo cchiù, Ma ‘e vvote tu Distrattamente pienze a me! ‘E vvoce, ‘e notte, se só’ fatte rare E i’ resto sulo ‘int’a ll’oscuritá. Ma fu proprio l’800 a segnare una vera svolta per la canzone napoletana classica. Chisto è ‘o paese d’ ‘o sole, Chisto è ‘o paese d’ ‘o mare, Chisto è ‘o paese addò tutt’ ‘e pparole, Sò doce o sò amare, Sò sempre parole d’ammore. Venticinque, sessanta e trentotto Venticinque, sessanta e trentotto Venticinque, sessanta e trentotto Ho giocato tre numeri al lotto, Venticinque sessanta e trentotto, Pensa un po’ che successo farà A canzone se il terno uscirà. Ne sono dimostrazione i tanti concerti di musica napoletana che si organizzano nel mondo ed i tanti giovani, che con ritmi e melodie assolutamente diverse, si avvicinano a questo genere musicale, che coniuga arte e tradizione nello stesso tempo. Nun se sana; ca sanata Si se fosse, gioja mia, Mmiezo a st’aria mbarzamata A guardarte io nun starria! Ecco la Top 40 delle canzoni napoletane più belle, Core n’grato di Alessandro Sisca e Salvatore Cardillo (meglio conosciuta come Catarì), Anema e’ Core, composta da Salve D’Esposito e dal paroliere Tito Manlio, I’Te vurria vasà, scritta da Vincenzo Russo e diventata famosa grazie all’interpretazione di Roberto Murolo, Maria Marì, scritta da Giuseppe Di Stefano e Roberto Alagna, Torna a Surriento, scritta nel 1902 da Ernesto De Curtis, Fenestella e’ Marechiaro, scritta da Salvatore Di Giacomo, Serenata napulitana di Salvatore Di Giacomo e Mario Costa, Voce ‘e notte di Edoardo Nicolardi ed Ernesto De Curtis, cantata da Roberto Murolo, Aggio perduto ‘o suonno di Redi-Natili, cantata da Robero Murolo, Dicitencello vuje di Rodolfo Falvo ed Enzo Fusco, cantata da Roberto Murolo, ‘A tazze ‘e cafè di scritta da Giuseppe Capaldo e musicata da Vittorio Fassone, cantata da Roberto Murolo e Renzo Arbore, Pop Up Comunicazione: Web Agency a Napoli. ascolta le canzoni napoletane classiche ed il cuore ti si inebria d'amore E’ notte chiena e s’è addurmuto ‘o mare, Ma io stó’ scetato e spásema stu core. Te piglie ‘a sigaretta Quann”accatte pe’ papá, Te miette giá ‘o rrussetto Comme vide ‘e fá a mammá. Ogne suspiro coce, ma tene ‘o ffuoco doce… e, comme trase ‘mpietto, nun lle dá cchiù arricietto. Ma tutta simpatia, ma tutta vita mia, mme giova o mm’arruvina, só’ ll’uocchie ‘e Cuncettina! Io te voglio bene assaje… E tu non pienze a me! La storia racconta, secondo l’Odissea, che la sirena Parthenope, creatura mitologica di straordinaria bellezza e doti canore, dopo essere stata ingannata dal temerario Ulisse, insieme alle sue compagne, decise di schiantarsi sugli scogli. Perché le canzoni di Pisano e Cioffi furono innovative, nei testi e nella musica. Li quarte d’ora sonano A uno, a duje, a tre… Io te voglio bene assaje… E tu non pienze a me! Chella nun è pe’ te, chella è na ‘mpesa Che vène a dí ch’è bella cchiù ‘e na rosa Si po’ te veco ‘e chiagnere annascuso? Ma vediamo subito quali sono le più belle canzoni napoletane classiche! Tutt’ ‘e ssere, pe’ copp’a ll’ásteco, Vène a ll’ùnnece a passiggiá. In senso orario a partire dalla foto in alto a sinistra: Salvatore Di Giacomo, Ernesto Murolo, Libero Bovio ed E. A. Mario. Guárdame ‘nfaccia e vide Comme sòngo arredutto: Sicco, peliento e brutto, Nennélla mia, pe’ te! Ma cu sti mode, oje Bríggeta Tazza ‘e café parite: Sotto tenite ‘o zzuccaro E ‘ncoppa, amara site… Ma i’ tanto ch’aggi”a vutá E tanto ch’aggi”a girá… Ca ‘o ddoce ‘e sott”a tazza Fin’a ‘mmocca mm’ha da arrivá!… Cchiù tiempo passa e cchiù v’arrefreddate ‘Mméce ‘e ve riscaldá…”Caffè squisito!…” ‘O bbello è ca, si pure ve gelate Site ‘a delizia d”o ccafé granito… Facenno cuncurrenza â limunata… Ma cu sti mode, oje Bríggeta Tazza ‘e café parite: Sotto tenite ‘o zzuccaro E ‘ncoppa, amara site… Ma i’ tanto ch’aggi”a vutá E tanto ch’aggi”a girá… Ca ‘o ddoce ‘e sott”a tazza Fin’a ‘mmocca mm’ha da arrivá!… Vuje site ‘a mamma d”e rrepassatore?… E i’, bellezza mia, figlio ‘e cartaro!… Si vuje ve divertite a cagná core I’ faccio ‘e ccarte pe’ senza denare… Bella pareglia fóssemo a fá ‘ammore! N’anema pare… Rassegnata è stanca Sotta a’ cuperta E’ sta’ luna bianca… Tu c’ha nun chiagne è chiagnere me fai Tu stanotte addostaie… Sotta a’ cuperta E’ sta’ luna bianca… Tu c’ha nun chiagne è chiagnere me fai Tu stanotte addostaie… Voglio a te’… (Voglio a’ te.) Si tu nun viene a mm’ajut? Penzanno a nénna mia, Mme sento ascevolí! E mi hai promesso “Domani chi lo sa… Vengo io soltanto… Soltanto con mamma’!” Io, mammeta e tu… Passiammo pe’ Tuledo, Nuje annanze e mammeta arreto… Io mammeta e tu… Sempre appriesso, Cose ‘e pazze Chesta vene pure ‘o viaggio ‘e nozze… Jamm’o cinema, o abballa’… Si cercammo ‘e ce ‘a squaglia’, Comm’a nu carabbiniere Chella vene a ce afferra’… Ah… Ah… Ma, ‘nnammurato, So’ rassignato Non reagisco più… Io, mammeta e tu!… Io, mammeta e tu!… Ma San Gennaro m’aveva fatto ‘a grazia Ll’ata matina Nun ll’ha fatta aiza’ Teneva ll’uocchie ‘e freve, Pareva ca schiattava, Io quase mme credevo D’asci’ sulo cu te… Nu filo ‘e voce, Pero’, truvaje mamma’ “Da ‘a piccerella Ve faccio accumpagna’…” Io, soreta e tu… Jamm’o bar ‘o Chiatamone “Vuo’ ‘o cuppetto o vuo’ ‘o spumone?” “Chello ca costa ‘e cchiu’!” Pe’ ricordo ‘e ‘sta jurnata, Dint’a villa, ce hanno fatt’a foto… Vuo’ ‘o pallone, vuo’ ‘o babba’ Nun se fida ‘e cammena’… Guardo a essa, guardo ‘o mare… Sto’ penzanno ‘e ce ‘a mena’… Ah… Ah… Ma, ‘nnammurato, Só rassignato Nun ve veco cchiu’… Mammeta, soreta e tu… Mammeta, soreta e tu. Tu invece mme rispunne: “Eggiá, I’ devo retta proprio a te. Perché? Lalbum è una raccolta di brani incisi nel 1966, su 45 giri, per la casa discografica Durium. Ma se dovessimo appellarci alle leggende, sicuramente la più nota è quella della sirena Parthenope. Ah, che notte, ah, che notte! Tu vuoi vivere alla moda, Ma se bevi “whisky and soda” Po’ te siente ‘e disturba’ Tu abball’ o’ rocchenroll Tu giochi a baisiboll Ma e solde p’ è Ccamel Chi te li da La borsetta di mamma’ Tu vuo’ fa’ ll’americano Mericano, mericano Ma si’ nato in Italy Sient’ a mme, nun ce sta niente ‘a fa’ Ok, napulitan Tu vuo’ fa’ ll’american Tu vuo’ fa’ ll’american Come te po’ capi’ chi te vo’ bbene Si tu lle parle miezo americano? ‘I te vurria vasa’… ‘I te vurria vasa’… Ma ‘o core nun m’ ‘o Ddice ‘e te sceta’. Comm’a na seta fina só’ ll’uocchie ‘e Cuncettina. Lazzarè! About Press Copyright Contact us Creators Advertise Developers Terms Privacy Policy & Safety How YouTube works Test new features Nun ‘o vide? Do il mio consenso affinché un cookie salvi i miei dati (nome, email, sito web) per il prossimo commento. Nonneta, soreta, e tu. Ma questa non è canzone comica: è … Pígliate na pastiglia! Quale kernel devo per r4. Canzoni napoletane famose: la top 40 dei brani più belli di tutti... Tuttavia la vera canzone napoletana comincia a prendere forma intorno al ‘500 con, L’argomento delle villanelle era generalmente rustico, comico e spesso satirico, di frequente si parodiava il manierismo della musica di allora. Il brano entrò nel repertorio di Roberto Murolo, a conferma, appunto, che i due scrissero canzoni, ancor prima che macchiette. Ho giocato tre numeri al lotto Venticinque, sessanta e trentotto, Li ho giocati convinto perché (Perché?) Canzone napoletana Origini stilistiche musica popolare e etnica di Napoli Origini culturali napoletane Strumenti tipici mandolino, chitarra, colascione, triccheballacche, voce, pianoforte, batteria A questi si aggiungono tamburi (tammorre) e tammurrielli, caccavella o … Te si’ fatta ‘na veste scullata, Nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose… Stive ‘mmiezo a tre o quattro sciantose, E parlave francese… è accussì? Perdo ‘o tiempo appriess’a te! Cu ‘e libbre sott”o vraccio E ‘a camicetta a fiore blu, Vuó’ fá ‘a signurenella ‘Nnanz’â scola pure tu. Scalinatèlla Longa, longa, longa, longa Strettulélla, strettulélla Addó’ sta chella ‘nammuratèlla Nun spónta ancora Zuc, zuc, zuc, zuc Zucculillo, zucculillo Pe’ ‘sta viarèlla scarrupatèlla Addó’ mme ne vogl’je T”o ddico, e crídeme Addó’ se ne pò ghí Chi è stanco ‘e chiágnere? Famme addurmí, Abbracciato nu poco cu te! E ‘a sunnambula, ch’è na bambola, Fa ‘a sunnambula ‘mbracci’a me. Va da sé che il binomio Pisano-Cioffi è legato anche a ‘Na sera ‘e maggio, la più famosa delle loro composizioni. Sempe ca ‘e ttèngo mente, nce trovo sentimente… pecché nce sta nu vezzo, ca i’ guardo e ll’accarezzo. Successivamente nel ‘600 si afferma la tarantella, tutt’ora ancora famosa, per molti essa nasce dall’incontro di due danze, la moresca araba e il fandango spagnolo, mentre per altri deriva dal ballo pugliese della taranta. Non più testi caricaturali, che per essere credibili e “far ridere” imponevano all’interprete un pesante trucco. Post su CANZONI CLASSICHE NAPOLETANE scritto da tonykospan21 Articoli recenti IL VINO E LA POESIA – I legami tra di loro… a cura di Tony Kospan e… non solo Wassily Kandinsky.. creatore dell’astrattismo – Biografia Chi sente? Quanno spónta la luna a Marechiaro, pure li pisce nce fanno a ll’ammore… Se revòtano ll’onne de lu mare: pe’ la priézza cágnano culore… Quanno sponta la luna a Marechiaro. Appila, sié’ maesta: Ca ll’arta toja è chesta Lo dico ‘mmeretá. Aggio perduto ‘o suonno Pe’ ‘sta felicitá! Vurría sapé pecché si mme vedite Facite sempe ‘a faccia amariggiata… Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite Cchiù bella, a ll’uocchie mieje, v’appresentate… I’ mo nun saccio si ve n’accurgite! Tuttavia la vera canzone napoletana comincia a prendere forma intorno al ‘500 con la villanella, di origine napoletana, che si diffuse rapidamente in tutta Europa. Tramonta ‘a luna E nuje, pe’ recitá ll’urdema scena Restammo mane e mane Senza tené ‘o curaggio ‘e ce parlà Famme chello che vuò Indifferentemente Tanto ‘o ssaccio che so’ Pe’ te nun so’ cchiù niente E damme stu veleno Nun aspettà dimane Ca, indifferentemente Si tu mm’accide i’ nun te dico niente E ride pure Mentre me scippe ‘a pietto chistu core Nun sento cchiù dulore E nun tengo cchiù lacreme pe’ te Famme chello che vuò E damme stu veleno Nun aspettà dimane Ca, indifferentemente Si tu mm’accide i’ nun te dico niente E indifferentemente Io perdo a te! Scalinatèlla Saglie ‘ncielo o scinne a mare Cercammélla, trovammélla Pòrtame a chella sciaguratèlla A ghiuorne, a ghiuorne parte nu vapore A ghiuorne ‘ammore mio se vótta a mare, Scinne cu ‘mme Nfonno o mare a truva’ Chillo ca nun tenimmo acca’ Vieni cu mme E accumincia a capi’ Comme e’ inutile sta’ a suffri’ Guarda stu mare Ca ci infonne e paure Sta cercanne e ce mbara’ Ah comme se fa’ A da’ turmiento all’anema Ca vo’ vula’ Si tu nun scinne a ffonne Nun o puo’ sape’ No comme se fa’ Adda piglia’ sultanto O mare ca ce sta’ Eppoi lassa’ stu core Sulo in miezz a via Saglie cu ‘mme E accumincia a canta’ Insieme e note che l’aria da’ Senza guarda’ Tu continua a vula’ Mientre o viento Ce porta la’ Addo ce stanno E parole chiu’ belle Che te pigliano pe mbara’ Ah comme se fa’ A da’ turmiento all’anema Ca vo’ vula’ Si tu nun scinne a ffonne Nun o puo’ sape’No comme se fa’ Adda piglia’ sultanto O mare ca ce sta’ Eppoi lassa’ stu core Sulo in miezz a via Ah comme se fa’ A da’ turmiento all’anema Ca vo’ vula’ Si tu nun scinne a ffonne Nun o puo’ sape’ No comme se fa’ Adda piglia’ sultanto O mare ca ce sta’ Eppoi lassa’ stu core Sulo in miezz a via. Scalinatèlla Saglie ‘ncielo o scinne a mmare Cercammélla, trovammélla Pòrtame a chella sciaguratèlla Chella s’è ‘nnammurata ‘e nu pittore Ca pitta Capre e parla furastiero E je porto ‘mpiétto nu dulore ‘e core E sento che mm’accide stu penziero Scalinatèlla Longa, longa, longa, longa Strettulélla, strettulélla Addó’ sta chella ‘nammuratèlla? Ma ‘a mamma è terribile, Nun mm’ ‘a vò’ fá vedé. Naviga tra le migliori offerte dei negozi di strumenti musicali. Benvenuti nel mondo della canzone napoletana di Napoli Fans! Io te voglio bene assaje… E tu nun pienze a me! E tremma stu core mio Pecché é sicuro que ‘o vuo’ lassá. Io te voglio bene assaje… E tu non pienze a me! Scapricciatiellu mio, vatténne â casa Si nun vuó’ jí ‘ngalèra, ‘int’a stu mese Comme te ll’aggi”a dí ca nun è cosa? Midi Mania mette a disposizione il proprio archivio midi delle canzoni napoletane classiche, neomelodiche e contemporanee. Tu stanotte addostaie. Nun è overo! Nel 1970 con la crisi del Festival di Napoli, la classica canzone napoletana perse ogni legame con il passato. Non a caso, il capoluogo campano, è conosciuto anche con questo nome. Ma quegli anni sono soprattutto il periodo delle prime opere buffe, genere teatrale che si basava sulla musica cantata, che veniva spesso presa in prestito da motivi popolari. E cu ‘a scusa ch’è na sunnambula, Chesta bambola, nèh, che fa. Dove Sta Zazà. La notte tutti dormono, Ma io che vuó’ durmire?! La musica a Napoli è culto, tradizione, identità e motivo d’orgoglio in tutto il mondo. Ho giocato tre numeri al lotto Venticinque, sessanta e trentotto, Li ho giocati convinto perché Li ho sognati tutti e tre. Avvertimi via email in caso di risposte al mio commento. Chisto è ‘o paese d’ ‘o sole, Chisto è ‘o paese d’ ‘o mare, Chisto è ‘o paese addò tutt’ ‘e pparole, Sò doce o sò amare, Sò sempre parole d’ammore. Vocche ca vase nun ne vonno Nun so’ sti vvocche oje ne’! ‘A gelusia turmenta ‘Stu core mio malato; Te suonne a me? Ma è vero o nun è vero ca so’ turnato a Napule? Qual è la vostra canzone napoletana classica preferita? Canta Napoli. Pígliate na pastiglia, Siente a me! Cusuto a filo duppio, Co’ te mme vedarraje… Io te voglio bene assaje… E tu non pienze a me! Gli autori delle canzoni napoletane classiche erano professori, letterati, intellettuali che vivevano gomito a gomito con il popolo. Oje Marí’, oje Marí’! Core mio luntano vaie: Tu me lasse e io conto l’ore Chi sa quanno turnarraie!” Rispunnev’io: “Turnarraggio Quanno tornano li rose Si stu sciore torna a maggio Pure a maggio io stonco ccà”. Ti avevo detto, Dal primo appuntamento, ‘E nun purta’ nisciuno appriesso a te… Invece mo nu frato, Na sora, na nepote… Sola nun staje na vota Ascimmo sempre a tre! Si ‘sta voce, che chiagne ‘int’ ‘a nuttata, Te sceta ‘o sposo, nun avé paura… Vide ch’è senza nomme ‘a serenata, Dille ca dorme e che se rassicura… Dille accussí: “Chi canta ‘int’a ‘sta via O sarrá pazzo o more ‘e gelusia! Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Carmela è na bambola, E fa ‘ammore cu me. E chi mo canta appriesso a me? Core ‘Ngrato. ‘O sole a poco a poco Pe ‘stu ciardino sponta; ‘O viento passa e vasa ‘Stu ricciulillo ‘nfronta. Ma Lazzarella comme si, A me mme piace sempe ‘e cchiù, E vengo apposta pe’ t”o ddí, Vicino â scola d”o Gesù. Le canzoni napoletane famose, quelle più belle e più amate in tutto il mondo. Na perziana ca sbatte, Nu lampione ca luce E nu ‘mbriaco ca dice, Bussanno a na porta: “Mm’arape, Cuncè’!” ‘A tre mise nun dormo cchiù, Na vucchella vurría scurdá. Io te voglio bene asssaje… E tu non pienze a me! E ‘a sunnambula, ch’è na bambola, Fa ‘a sunnambula ‘mbracci’a me. (Voglio a’ te’.) Ma nun me lassà Nun darme stu turmiento Torna a Surriento Famme campà. Vide ‘o mare quant’è bello Spira tantu sentimento Comme tu a chi tiene a mente Ca scetato ‘o faie sunnà Guarda qua, chistu ciardino Siente, sì sti sciure arance Nu profumo accussì fino Dinto ‘o core se ne va E tu dici “io parto, addio!” T’alluntane da stu core Da sta terra de l’ammore Tiene ‘o core ‘e nun turnà Ma nun me lassà Nun darme stu turmiento Torna a Surriento Famme campà Vide ‘o mare de Surriento Che tesoro tene nfunno Chi ha girato tutto ‘o munno Nun l’ha visto comm’a ccà Guarda attuorno sti serene Ca te guardano ‘ncantate E te vonno tantu bene Te vulessero vasà E tu dici “io parto, addio!” T’alluntane da stu core Da sta terra de l’ammore Tiene ‘o core ‘e nun turnà? Ah! Vène a ll’ùnnece a passiggiá. Voglia a te’… E’ tutte è veglia ammore Tu c’ha nun chigne e’chiagnere me faie Tu stanotte addo staie. T’aggio vuluto bene a te… Tu m’è vuluto bene a me! Eh eh. Fuje l’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata? E diceva: “Core, core! ‘I me vurria addurmi’ ‘I me vurria addurmi’ Vicino ‘o sciato tujo. Core mio, turnato io sò Torna maggio e torna ammore, Fa de me chello che vuò! E’ tutte dorme e io more E’ sula a veglia E’ tutte è veglia ammore Tu c’ha nun chigne e’chiagnere me faie Tu stanotte addo staie. Ma pecché, ma pecché me ne cacce, Catarì, senza manco parlà? St’uocchie ca tiene belle, lucente ccchiù de stelle, sò’ nire cchiù do nniro só’ comm’a duje suspire…. E vienet? Si arriva così alla prima metà del ‘900, periodo floridissimo per la canzone napoletana, con autori che compongono opere che, a distanza di 80-100 anni, sono ancora molto ascoltate e amate anche dai più giovani ed è probabilmente la sintesi di un concetto semplice ma fondamentale nello stesso tempo: la musica napoletana non morirà mai! Famme affacciá a Maria, Ca stóngo ‘mmiez’â via… Speruto da vedé… Nun trovo n’ora ‘e pace: ‘A notte ‘a faccio juorno, Sempe pe’ stá ccá attuorno, Speranno ‘e ce parlá! L’ambasciata evocata nel titolo è quella di un innamorato che si dichiara ad una ragazza, pregandola di non farlo soffrire. Pe’ me ll’ammore pó aspettá, Che n’aggi’a fá? La storia delle canzoni di Pisano e Cioffi ha inizio nel 1929, con la pubblicazione di ‘O cuscritto ‘nnammurato, A quell’epoca Egidio “Gigi” Pisano vantava una buona fama di autore. Recòrdate lo juorno Ca stive a me becino, E te scorréano, ‘nzino, Le llacreme, accossí!… Deciste a me: “Non chiagnere, Ca tu lo mio sarraje…” Io te voglio bene assaje… E tu non pienze a me! Nun fa pe’ me!” Ah, Lazzarella, ventata ‘e primmavera! Famme addurmí… Oje Marí’, oje Marí’! Napoli in farmacia. Va’ te cócca, siente a me! Te ciancéa cu ciento mosse T’ ‘o ffá credere e po’ te lassa Te fa perdere ‘a libertá “Scapricciatiellu mio, vatténne â casa Si nun vuó’ jí ‘ngalèra, ‘int’a stu mese”. Le loro melodie incantano ancora oggi milioni di innamorati, arrivando dritte al cuore di chi le ascolta. aggio aperta ‘a cajola, Reginella è vulata, e tu vola! Ma Lazzarella comme si, Te si’ cagnata pure tu. T’he’ ‘à truva’ ‘na patrona sincera Ca è cchiù degna ‘e sentirte ‘e cantà. Salvatore Di Giacomo, Ernesto Murolo, Libero Bovio, Enrico Caruso sono solo alcuni dei principali autori e poeti che hanno reso grande, con i propri testi, la canzone napoletana. Femmena, Si tu peggio ‘e na vipera, M’e ‘ntussecata l’anema, Nun pozzo cchiù campà. Vanno ricordati per le irresistibili storie di corna e rifiuti che descrivono, ma anche per aver trovato interpreti prestigiosi. Giocali, giocali, giocali, Giocali, giò… Ho giocato tre numeri al lotto Venticinque sessanta e trentotto, Li ho giocati convinto perché Usciranno tutti e tre! Quali sono le canzoni napoletane classiche più belle di tutti i tempi?